Website Builder

BIOGRAFIA

Walter Maritati è nato a Brindisi nel 1953. All'età di nove anni si trasferisce con la famiglia a Bergamo, vi resta per dodici anni e poi si trasferisce a Roma. 

Il periodo vissuto a Bergamo è importante per il suo futuro artistico: amicizie e circostanze particolari lo avvicinano alla pittura. L'attrazione per il colore è forte ma è autodidatta, manifesta carenze tecniche che cerca di colmare con assiduità e autocritica. 

All'inizio la sua "tavolozza" è ristretta a pochi colori, per lo più grigi, una realizzazione monocromatica condizionata dai paesaggi nebbiosi del bergamasco. 

Nonostante critiche anche negative mantiene con coerenza la sua espressione artistica maturandone le evoluzioni tecniche. 

A Roma inizia ad esporre in mostre collettive e personali raccogliendo i primi consensi al suo lavoro: il pubblico apprezza l'espressione poetica e sognante di quei paesaggi lacustri avvolti nella nebbia definendola una pittura estremamente personale ed espressiva. 

Dipinge esclusivamente con colori ad olio, che sfuma costantemente fino a rendere impercettibile la pennellata. Velature sovrapposte gli permettono di mantenere la trasparenza del colore nella realizzazione della nebbia. I soggetti ricorrenti sono barche e paesaggi immersi nella nebbia, nature morte, papaveri, scorci di case rurali. 

Nei suoi dipinti non c'è figura umana ma se ne avverte le presenza. 

Ha realizzato numerose personali nelle principali città italiane e dal 1988 fa parte dell'ASSOCIAZIONE CENTO PITTORI VIA MARGUTTA di Roma. 

Attualmente vive e lavora a Perugia.



Walter Maritati was born in Brindisi in 1953. At the age of 9 years he moved to Bergamo with his family where he stayed for 12 years, after that he moved to Rome. The time when he lived in Bergamo is important for his future as painter: friendships and special occasions moves him closer to painting. At the beginning his palette is restricted to a few colors only, mostely grays, conditioned by the foggy landscapes of the surroundings of Bergamo. In Rome he starts to exhibit in personal and collective events where he collect the first positive feedbacks for his artworks: The public appreciates the expression of those poetic and dreamy lake shrouded landscapes in fog, calling it a highly personal and expressive painting. He mostly paint with oil colors and fade them until the brush stroks became invisible. Overlapped glazes makes him possible to keep the transparence of the colors and accive the feeling of the fog. His frequently painted subjects are boats, and landscapes in the fog, still lifes, moonflowers an views of rural buildings. In his paintings are no human figures but their presence is feelable. He makes many personal exhibitons in the most important cities in Italy. Actualy he lives and works close to Perugia.